lunedì 16 aprile 2018

Raimbow

Moda / Rainbow
I colori dell'arcobaleno sono i più usati e i più amati dalla moda: mettono allegria ma sono anche il simbolo di diritti lgbt. Arriva quindi il messaggio che i fashion addict sono meno frivoli di quel che sembra. Per la primavera estate 2018 , diciamo via il Rainbow trend : mai visti tanti maglioni e piumini arcobaleno in passerella e per le strade. Gli stilisti nelle loro collezioni hanno espresso il loro mood usando il rosso, l'arancio, il giallo, il verde , il blu e il viola. Citano i colori dell'arcobaleno come se assistessero al fenomeno ottico dello spettro di luce del sole attraverso le gocce d'acqua rimaste in sospensione dopo il temporale. Prima della moda, l'arcobaleno era venerato dalla cultura greca: per i greci era il simbolo che collegava Terra e Olimpo . Il Sudafrica, dopo la fine dell'apartheid, fu nominato Rainbow nation, ovvero nazione delle persone di diverso colore e negli anni Sessanta fu simbolo degli hippy, che lo trasformarono nel simbolo di comunione, amore e libertà. E soprattutto, l'arcobaleno, in ogni angolo del mondo, significa pace. Oggi quindi è il mondo della moda il vero fan dell'arcobaleno con i suoi significati cromatici: il rosso è vita, l'arancio salute, il giallo è il sole, il verde la natura, il blu la serenità e il viola lo spirito. Le rockstar amano indossare il Rainbow di Gucci e i giovani ammirano le opere di Peter Max degli anni Settanta perfette con il denim. Dalle sfilate : Dolce & Gabbana, Burberry, Missoni, Libertine, Ralph Lauren, Golan. Bag sportiva Rainbow di Pepe Jeans. 
Massimiliano : credits Io donna 

La morte del cigno

  Moda / La morte del cigno
 Il tulle è uno dei tessuti più amati dalle donne. Evoca infatti l’essenza pura di una femminilità romantica e senza tempo, ma indossarlo con disinvoltura non è sempre semplice. Questo perché risulta troppo spesso impegnativo ed eccessivamente importante per gli outfit quotidiani o per quelli pensati per trascorrere serate semplici tra amici. Eppure gli stilisti in questa stagione  hanno cercato di realizzare il sogno femminile per eccellenza, inserendo di nuovo prepotentemente il tulle nelle collezioni, cucendolo perfettamente sulla nostra epoca e rendendolo  contemporaneo. Può essere romantico, rock con macro rete a contrasto, ipnotico sul tailleur. Con le collezioni primavera estate 2018 assistiamo alla metamorfosi del tulle. E' il tessuto regale per eccellenza, tanto da prendere il nome dalla città di Tulle, nel sud della Francia. Possiamo dire con certezza che di questo materiale si è invaghita la moda, che lo interpreta anche in versione punk. E allora donne trasformatevi in una moderna danzatrice classica, in una debuttante al ballo o più semplicemente in una emozionata sposa di carattere. C'è la geometria perfetta di Nicola Brognano, deb di successo, c'è il glam della sottoveste di Simone Rocha e poi c'è Moschino che non rinuncia al fascino del tulle abbinandolo al chiodo o a una maglietta a rete. Troviamo l'eleganza candida di Off-White, il marchio in questo momento al top che abbina abito in tulle ai pantaloni e c'è la trasparenza , come il riflesso di un'ombra, sull'abito drappeggiato futurista di Y / Project. A questa tendenza di trasparenza e lievità, dà il suo tocco anche Giorgio Armani con una cappa tempestata di pietre e paillettes che brillano tra tulle e seta . Jeremy Scott è attratto da questo tessuto, da averlo scelto per la felpa con cappuccio.
Massimiliano, credits io donna 
17C7AF59-56ED-4F9B-882D-FAD86D221C45AE8DD333-0D88-4E89-895B-F1D185E42BDA706322B1-CEBF-436D-852D-30A81C5C019A097D02B0-7EF8-40A4-A030-8D1E1A2B8ED5357ED9FD-F506-411C-8197-87665AEBE52053DE6A66-6111-4F9D-BF07-F4B509B50BA233C7B5D8-A0E8-4B45-AFB1-6DF8E0CBCF7A

Purple Rain

 Moda / Purple rain 
Il viola, amato dai futuristi, ma a lungo trascurato per la sua modalità funebre, questo colore ora si riprende la rivincita. Sulle passerelle primavera estate 2018 e sul red carpet diventa protagonista. A certificarlo colore dell'anno è stata Pantone, l'azienda americana famosa per lo studio e la catalogazione dei colori, che ha stabilito che la sfumatura ultra violet, sarà la più amata dell'anno nel mondo della moda ma non solo: design e grafica sono sedotti grazie alla sua natura misteriosa, associato al settimo chakra dove si fonde l'umano al divino e sperimentare è la parola d'ordine. La vera epoca d'oro del viola però risale all'inizio del Novecento quando divenne il colore preferito di stravaganti e influenti signore, dalla Marchesa Casati alla direttrice di Vogue America Diana Vreeland, che di fronte alla sfumature degli abiti di Balenciaga, si narra , andava in estasi. Tonalità che oggi Demna Gvasalia, direttore artistico di Balenciaga, dal talento straordinario, sembra aver fatto proprie donando loro una vita nuova. Carolina Herrera presenta un abito in chiffon di seta e Moschino gioca con un corpetto in eco pelle e gonna in tulle. Giacca in velvet trapuntato e pelle per Balenciaga e look minimal per Rochas. Kenzo propone scamiciata in pelle e per Versace giacca in seta con maglia e leggings in lycra. 
Massimiliano, credits io donna 





F99F5A79-E021-499E-818C-6C5D3302A98193532D1B-8D66-4BB0-B3BA-406929BD208E58791AC3-CC72-4661-807D-DD5CF18D941BA43672EB-3FF8-423C-9819-CAD5EF8E3956857569FC-AE85-4233-BD55-E2EA8F583CF1245301EC-FB47-44C2-B280-4D5D8BA068A6

VEDO NON VEDO

Moda : Vedo non vedo
Il classico gioco vedo non vedo abbandona l'aggressività e predilige lo chic: quasi sottotono. Con pizzi, sete e garze che alleggeriscono capi per ogni occasione e a donne di tutte le età. Le trasparenze sono quindi il liet motiv della primavera estate 2018. E' bello non svelare completamente , ma giocare con i contrasti in modo elegante, c'è un ritorno alla leggerezza con tessuti impalpabili che creano una sensazione di candore. La trasparente delicata sensualità è presente in alcuni punti strategici degli abiti per esaltare quanto basta. Gli stilisti creano capi chic decorati con piccoli dettagli: il risultato è non solo spalle e maniche, ma anche fondo delle gonne e décolleté punteggiati da delicati disegni floreali e non. Dolce&Gabbana presentano il tubino nero in pizzo stretch lungo fino alla caviglia e avvolgente come una seconda pelle. Giacca e pantaloni in maglia di seta punto traforato per Giorgio Armani: entrambi sono ricamati da piccoli pois colorati e impreziositi da cristalli Swarovski. Per Dior , la lunga gonna trasparente in tulle plissé lascia intravedere il body in maglia a righe rosa e nere. Etro predilige il pizzo bianco per l'abito senza maniche e con inserti di ricami impreziositi da fili metallici e perle. Gucci punta sul luccichio presente ovunque nel look composto da un abito da sera in nylon e tulle con raggi ricamati di cristalli e tuta in tulle. Louis Vuitton ama la donna in giacca di pelle nera cropped e camicia in seta bianca sul pantalone a zampa con effetto trasparente. Se scegliete questa tendenza, non dimenticate quanto scrive Gabriel Garcia Màrquez nel suo romanzo Dell'amore e di altri demoni: " più lo stile è trasparente più la poesia è visibile".
Massimiliano, credits Io donna

04997632-3391-4582-BC75-0417E1804D339A5C392E-1A72-4AA2-AF69-DABBD94D97365A498125-9AD2-4286-AD87-B3CB3BCC6919724D6033-5686-42A5-8078-25DDA60F57A48F64972B-ED96-4F67-A6E7-A647C8DEC535E031F987-5760-47AB-B364-DD770B32FB9D

Cromoterapia

Moda/ Cromoterapia
I colori fanno bene: all'anima e al corpo. Il concetto della cromoterapia vive del principio che assegna ai colori più vivaci poteri benefici per rigenerarsi dopo l'inverno. Fantasia e brio per il guardaroba di primavera, che occhieggia al minimalismo anni'90 con abiti e accessori dalle linee geometriche e basiche. E' un po' ritornare indietro con la memoria, all'epoca di United Colors of Benetton con le sue cromie vibranti per vere fashion victims del dress code di tendenza. E in questa stagione? fra i colori più amati e di tendenza spicca il verde. E come non immaginare la corazza magnifica del film premio Oscar La forma dell'acqua? Lo sappiamo che , il colore, in block total o mixato con altri, dona un'energia pop...davvero irresistibile. Marc Jacobs sogna, con il fastoso abito giallo, il red carpet:   tutto è ricoperto di ricami con un grande fiore che sfiora la scollatura e lunghi guanti neri. Appare come una vestale , con una tunica lineare e senza maniche in color salmone in seta pura, la donna di Valentino, che sdrammatizza il dress code con sneaker ricamate in pelle. Gucci crea una tuta verde mela in crepe di lana e seta con cintura logo. Abito soft in lino color canarino e sandali , per la donna di Salvatore Ferragamo. Lacoste presenta l'abito bustier bluette con bottoni dall'allure spor glam. L'abito di Krizia è di linea ampia adatto per un party, con fusciacca in cotone e fibre made in Japan. Ma il vero tocco di classe, lo regala Giorgio Armani con la pochette della collezione Acquerello dall'equilibrata forma geometrica in una nuance verde erba, che dona a un completo rigoroso un tocco frizzante.
Massimiliano, credits Io donna 
C08F7346-ABE5-4B8A-84C5-8679A376F947DC20B0BE-773D-405C-A8C1-280CADED36E5BCEA781C-0609-4C8B-9CBD-0C254BBFD56932BB9E81-FCB0-4FF1-9F37-DEF838B41A2829F9DA3C-3046-4F74-988A-E39861129A653FAC240D-0C3B-44D1-B3D7-43012D70E8E5

AC560A23-28BE-4EB9-8BDB-06217A6F71A8

Eterno DENIM!

Adatto a tutte le età, ricamato e sottoposto a mille lavaggi sempre più tecnologici, il jeans si conferma protagonista anche per la primavera estate 2018. E' coccolato da molti stilisti emergenti e non, marchi pop e sfiora anche l'alta moda , con creazioni capaci di mixare bon ton e stile comfort. Dior, Gucci e Chanel non rinunciano alla loro interpretazione del denim. Nella nuova stagione il blue peony viene proposto in tinte chiare: ceruleo, turchese e celeste metal sono i colori must. Il denim ne ha fatta di strada, nato per i lavoratori è diventato negli anni il capo più desiderato. Si è sempre di più , avvicinato così, al lusso, allontanandosi dalle origini working class, grazie a lavorazioni e accostamenti di prestigio come il cashemere, il tweed e la seta. E' l'ennesima reincarnazione di un tessuto diventato sogno di un lifestyle universale, rispettando i canoni d'eleganza che lo hanno caratterizzato. Effetto lavato per il look sofisticato in denim Chanel: pantalone tagliato sopra la caviglia e giacca con alette plissé. Per Trussardi  jumpsuit in denim stretch con scollatura profonda e cintura. Fendi presenta il trench lungo fino ai piedi in versione denim, caratterizzato da cut out e maxi tasche. Fabiana Filippi lo propone in trattamento chambray sia per la camicia che per il pantalone a vita alta. Elisabetta Franchi ama il pantalone in denim blu con applicazioni dorate da abbinare a una camicia bianca impreziosita da merletti. DSquared2, sull'abito in tulle, lo presenta in modalità antivento , zippato in pvc e nylon con frange di pelle sul retro creato in collaborazione con K Way. 
Massimiliano , credits Io donna 
7AF9486C-3CCD-43C8-B909-184BB982679AD5631F20-B463-4682-8A68-C40E05208AFFA9198C89-9072-4A21-B929-C72B88E41C196ED451CE-7BA3-4DE1-9AF9-5F92662E51E6F7891B1A-C73C-43F4-AD1B-9DE45625F822CE19FBFB-17DF-4504-81F7-A058A73AFA58

La Pelle

Moda: La pelle, un talento naturale
Grinta suadente, fascino graffiante, audace e sensuale, ma anche morbida e duttile come un tessuto. La pelle è il materiale naturale più sperimentale e sottoposto a mille trattamenti anche ecosostenibili. Quando la scelta di capi in pelle va oltre il semplice utilizzo di giacche e accessori, il risultato potrebbe sorprendere. Questa stagione si deve unire il tocco vintage di abiti a un mood metropolitano, con tocco pronto a contagiare anche lo sport. La pelle è l'ideale per chi ha la consapevolezza della propria identità e del proprio stile. Gianni Versace ha saputo manipolarla in mille lavorazioni, unendola a seta e maglia metallica. Gucci, Prada e Cavalli insistono con una maestria made in Italy. Per la primavera estate 2018, Alessandro Michele per Gucci occhieggia agli anni Ottanta con l'abito in pelle verde smeraldo scollato a V da indossare su un body gioiello, da Dior vince il  look da centauro e grinta da F1 per una tuta sportiva e sexy in pelle bianca e nera che accompagna le forme del corpo. Look da cowgirl sensuale con camicia e minigonna con borchie, la ragazza di Versace, mentre Anthony Vaccarello per il suo Saint Laurent propone la giacca da discoteca con inserti patchwork in cuoio e pitone, su shorts a vita alta. Arriva anche una Cenerentola rock firmata Moschino, che osa con il top su gonna in tulle da abbinare ai leggins in pelle, naturalmente in total black. Ecco che avanza la donna innamorata dell'Oriente nel completo in pelle cerata lucida color cognac, giacca con manica a kimono e pantalone sartorial, la nuova donna di Krizia. La borsa più cool è la Wingtip city knot di Bottega Veneta, laccata a mano e rifinita con chiusura a nodo. Solo così, con un vero talento naturale, si può trovare la strada verso una nuova forma d'eleganza. 
Massimiliano, credits io donna.
F3D3582F-998D-4170-A560-812B82A4589C85C53FAE-4111-4112-9E96-D87D4E93C98FE831EE3C-3792-43DD-90CD-75B28B800296771B7933-7613-4DE9-B054-D56B22C4518694FFC45A-0096-4CF1-8EF4-734CDA7FB5F67CA801D6-F7FE-4ADC-B7C0-84C3BCA529A55BD7FE27-F305-4802-8C7B-36FBA9BE77EC

domenica 18 febbraio 2018

CHAPEAUX

Moda : Chapeau!
Camilla Cederna amava i cappelli e già nel lontano 1955 sull'Europeo, ne scriveva la bellezza e le varie forme, poi, chissà perché, il cappello è letteralmente passato in secondo piano. Oggi, grazie ai grandi stilisti e a giudicare dalle loro nuove collezioni, è tornato protagonista di primavera. A differenza di allora, a meno che non ci sia un red carpet o un matrimonio british, è di dimensioni ridotte, un semplicissimo berretto o un basco, genere Greta Garbo o Faye Dunaway. Siamo tornati ai primi degli anni '70 quando vezzosi cappellini furono abbandonati a favore di quelli piccoli, tamburelli che aveva creato Roy Halston per Jacqueline Kennedy. In un attimo, grazie alla first lady, la moda del pillbox invase negozi e passerelle. A noi piace ricordare le parole di Stephen Jones , cappellaio inglese: " il berretto anche il più semplice, può diventare un grande cappello, il segreto è saperlo indossare". Che saggezza! Chapeau! Versace per la primavera estate 2018 lo propone in pelle con dettagli in ottone, basco in tricot di paglia per Emporio Armani, in pvc con fascia in gros grain per Chanel, in feltro per Elisabetta Franchi, in paglia sintetica per Saint Laurent e infine Burberry crea il berretto da baseball in tartan. 
Massimiliano, credits Io donna 
1946C527-A430-4F70-AE24-0FF88895ABBCFA70308E-9784-4DD4-8C4E-B85B47AE83BDA4DAED00-E7D9-42BC-9A17-AA61CD00FA56

555C5EE6-FD07-473C-BF3B-B27015A049C044A36F19-2EFF-4B9A-8B67-FE2F0519DB0B